PORTALE “CONCILIAWEB”: ECCO COS’È CHE NON VA

05-07-2018 - Telefonia ›  Telefonia
PORTALE “CONCILIAWEB”: ECCO COS’È CHE NON VA
PORTALE “CONCILIAWEB”: ECCO COS’È CHE NON VA
Adiconsum Emilia Romagna chiede la proroga dell’avvio del portale
05 luglio 2018

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di protesta di Adiconsum Emilia Romagna, insieme ad altre Associazioni Consumatori,  in merito al funzionamento del portale ConciliaWeb dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che sarà operativo dal prossimo 23 luglio.

 

Ieri 4 luglio, presso la sede della Regione Emilia Romagna, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha organizzato un incontro formativo per le Associazioni dei Consumatori nel quale è stata illustrata la nuova procedura ConciliaWeb che entrerà in funzione dal 23 luglio prossimo.

 

ConciliaWeb è il portale dell'Autorità che gestirà tutte le domande di conciliazione dei cittadini che ritengono di aver subito torti da parte dei gestori telefonici e per questo si rivolgono a CoReCom.

 

Dall'illustrazione delle funzionalità del nuovo portale appare chiaro ed inequivocabile che, a partire dal prossimo 23 luglio, i cittadini non potranno più farsi assistere dalle Associazioni dei Consumatori, in quanto ConciliaWeb non ne prevede la possibilità.

 

Di fatto AGCOM in questo modo vieta al cittadino di farsi assistere nella propria vertenza da chi ha le competenze per affrontare al meglio la conciliazione con una controparte che è infinitamente più forte e che si avvale di legali per difendersi.

 

Un’asimmetria di forze insopportabile tra il cittadino e i giganti della telefonia, creata incredibilmente ad arte dall'Autorità Garante delle Comunicazioni per favorire questi ultimi. Autorità che, invece, ha il compito di difendere il consumatore dagli abusi dei fornitori dei servizi.

 

Tutto ciò mentre il contenzioso tra utenti e gestori telefonici è in costante e preoccupante aumento (si vedano i dati CoReCom Emilia Romagna).

 

Questa nuova normativa, quindi, pone dei seri dubbi di incostituzionalità in quanto impedisce al cittadino di mettersi nelle migliori condizioni possibili per far rispettare i propri diritti.

 

Ma non è tutto, oltre al danno si aggiunge anche la beffa.

 

Infatti, per accedere al portale occorre registrarsi via web e quindi i cittadini che non posseggano uno smartphone, un tablet o un computer dovranno recarsi personalmente nella sede del CoReCom dove troveranno un’apposita postazione per la registrazione. Vale a dire che un cittadino (spesso un anziano) che non abbia a disposizione un dispositivo per accedere a internet, a partire dal 23 luglio, dovrà viaggiare, magari da Piacenza o da Ravenna, per accedere alla postazione predisposta dal CoReCom, fino a Bologna.

 

Una vera e propria presa in giro. Inutile dire come tutto ciò sia inaccettabile.

 

Per questa ragione le Associazioni dei Consumatori chiedono ad AGCOM che l'avvio del portale ConciliaWeb sia prorogato fino a che non siano stati sanati questi evidenti abusi e invieranno una richiesta di incontro urgente al presidente della Regione Stefano Bonaccini per chiedere il suo intervento, a sostegno delle proprie richieste, anche in qualità di presidente della Conferenza Stato Regioni con la quale AGCOM, ci risulta, avrebbe dovuto obbligatoriamente firmare un accordo prima di avviare la piattaforma.